Home » » Tassa di soggiorno: stabilite le cifre

 

Tassa di soggiorno: stabilite le cifre

La Giunta ha deliberato i costi per gli utenti che soggiorneranno nelle strutture ricettive del territorio. Si va da 50 centesimi per i campeggi a 5 euro per gli alberghi a 5 stelle di lusso come la Posta Vecchia

LADISPOLI - Cinquanta centesimi per i campeggi, un euro per gli alberghi a 1 e 2 stelle. Due euro per gli alberghi a 3 stelle; tre euro per i 4 stelle; 4 euro per i 5 stelle e 5 euro per i 5 stelle di lusso. Sono queste le tariffe stabilite dalla giunta comunale per la tassa di soggiorno. Regolamento, approvato dal consiglio comunale a ottobre 2019 entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2020. In sostanza, gli utenti andranno a pagare, oltre al prezzo della camera prenotata per le vacanze, anche la tassa. Il gestore dell’attività ricettiva, poi, verserà il contributo all’amministrazione comunale entro e non oltre il quindicesimo giorno del trimestre successivo alla riscossione, mediante versamento. La tassa di soggiorno sarà applicata in misura piena per sette mesi l’anno: dal primo aprile al 31 ottobre. “Sconto” del 50% invece per i restanti mesi (dall’1 novembre al 31 marzo). Una decisione, quella presa dall’amministrazione comunale che aveva suscitato le polemiche, in primis, della categoria. Sebbene infatti, ad oggi, risultino presenti su internet, nei portali dedicati all’affitto e prenotazione di camere d’albergo, oltre cento le strutture ricettive presenti, solo meno della metà sono in regola. Motivo per il quale, il balzello andrebbe a “colpire” solo pochi a discapito di tanti. Per non parlare poi del fatto che i turisti potrebbero decidere di alloggiare nella vicina città etrusca, dove ad oggi, l’amministrazione comunale non ha applicato tale regolamento. Critiche, poi, erano state mosse anche dai consiglieri di opposizione che avevano peraltro puntato i riflettori sulla durata del periodo di imposizione del 100% della tassa: ossia sette mesi all’anno. In una città dove la maggior parte delle strutture ricettive lavorano solo due, tre mesi l’anno (giugno, luglio e agosto) essendo la città meta turistica principalmente per la balneazione.

(20 Nov 2019 - Ore 15:02)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy