Home » » Copertura stadio Angelo Sale: infuriato il consigliere Giovanni Ardita

 

Copertura stadio Angelo Sale: infuriato il consigliere Giovanni Ardita

IMPIANTISTICA Dispiaciuto il guerriero della destra locale: «Troppo tempo per realizzare la tettoia nonostante il finanziamento del Credito Sportivo di 140mila euro. Anche questa volta la macchina amministrativa non ha funzionato»

Piove sul bagnato: è la frase che rivela un doppio senso e che si riferisce all’Academy Ladispoli che ha perso di nuovo, sprofondando nei bassifondi della classifica del girone G di serie D e alla tribuna dello stadio Angelo Sale, priva dopo proclami e annunci, della copertura di cui non si ha traccia. C'è chi ha ci ha messo la faccia, ovvero il consigliere comunale del Comune di Ladispoli di Fratelli d’Italia Giovanni Ardita (nella foto), deluso dall'atteggiamento della sua amministrazione, che non ha mosso una paglia.
«Sono dispiaciuto - spiega Ardita - domenica pensavo di poter passare una giornata tranquilla in famiglia riposando, invece sono stato tempestato di numerose telefonate di famiglie e tifosi che hanno seguito sotto la pioggia della prima squadra e il settore giovanile dell’Us Ladispoli nel fine settimana. Il Credito Sportivo ha inviato il bonifico bancario di 140mila euro alle casse del comune di Ladispoli il 31.12.2019 ai primi di gennaio i soldi erano disponibili, per realizzare la copertura della stadio Angelo Sale, giustamente i nostri uffici hanno chiesto i pareri di competenza Anas Enac Enav perché l’impianto sportivo si trova a ridosso dell’Aurelia, dell’Eliporto e del Poliambulatorio, prima di indire la gara d’appalto che sicuramente sarà riservata a ditte specializzate del montaggio del materiale prefabbricato delle coperture degli stadi, sono già trascorsi i 30 giorni e il Comune ha ottenuto i pareri favorevoli non ostativi alla realizzazione della copertura dello stadio, io auspico che ci sia una maggiore collaborazione degli uffici perché non è che possono trascorrere più di 6 mesi per portare a termine la realizzazione di una copertura indispensabile per le famiglie e per i tifosi per ripararsi dalla pioggia e dal sole, e ho sentito molte persone che a causa della mancanza della copertura non vengono allo stadio nonostante abbiano anche l’abbonamento annuale alla squadra. Purtroppo il mio giudizio dopo tre anni che governiamo la città, debbo purtroppo dire - afferma dispiaciuto il guerriero della destra locale Giovanni Ardita - la macchina amministrativa ho riscontrato in molti casi che non ha funzionato alla perfezione, molti bandi e procedure non hanno avuto la giusta attenzione, farsi riprendere dalla Regione Lazio per aver completamente sbagliato l’iter procedurale per la realizzazione di strutture ricettive e turistiche mi lascia molta rabbia, aver sentito alcuni impiegati e funzionari del comune del settore urbanistico e del Suap che sono stati veramente umiliati in una risposta della Regione Lazio, mi irrita veramente “se non avete compreso come si convoca una conferenza dei servizi si consiglia di andare sul sito regione.lazio.conferenzeservizi.it”, io nella veste di politico che lavora nella pubblica amministrazione da più di 27 anni fa, vedere che degli impiegati dei nostri uffici vengono trattati dai funzionari della Regione Lazio da ignoranti, io lo ritengo offensivo sotto l’aspetto umano e professionale. La macchina amministrativa va perfezionata dal miglior funzionamento del protocollo informatico al rispetto e l’applicazione del decreto Madia sulla dematerializzazione, e ritengo molto importante che i nostri uffici con il nostro supporto debbano ben seguire le istruttorie dei bandi e delle procedure amministrative, per non incappare nei soliti ritardi ed errori che ci comporteranno il ritardo della realizzazione di impianti sportivi e strutture ricettive turistiche alberghiere molto importanti per la crescita della nostra città. Tardiamo anche nelle cose più semplici per opere e strutture pubbliche che si devono portare a termine nell’interesse della collettività, è trascorso più di un anno e non siamo riusciti a definire una semplice convenzione con una cooperativa sociale per pulire i bagni della stazione, nonostante che questa cooperativa da anni ha la gestione di strutture sociali e tristiche a Ladispoli con convenzioni anomale e vantaggiose ottenute con la precedente amministrazione, lo stesso discorso vale per la fondazione di un ex deputato di sinistra che da anni gode della gestione del Castellaccio dei Monteroni ottenendo finanziamenti regionali ed europei lasciando il Castellaccio dei Monteroni in condizioni sicuramente fatiscenti, gode di una convenzione anomala stipulata con la Regione Lazio e condivisa dalla precedente amministrazione, mi chiedo: ma questo soggetto quando lo cacceremo via? Perché non presentiamo una interrogazione parlamentare al Ministro dei Beni Culturali, all’onorevole Dario Franceschini, che a una richiesta ben dettagliata inviata dal nostro sindaco Grando al suo capo di gabinetto non si è degnato neanche di una risposta? Perché il Ministero dei Beni Culturali con procedure anomale ha facilmente riconosciuto ad una fondazione dei contributi, ed oggi fa ostruzionismo per riconoscere un nostro diritto attraverso un decreto di rimodulazione per assegnare un contributo di 2 milioni di euro per ristrutturare il Castellaccio dei Monteroni per realizzare un museo? Io non ci sto, nell’interesse dei residenti della frazione del Castellaccio dei Monteroni e dei Comitati e delle Associazioni che da annI attendono la ristrutturazione di questo importante e storico monumento della città, dobbiamo imporci attraverso la presentazione di un interrogazione parlamentare per far valere un diritto della nostra città. Io continuerò - conclude Giovanni Ardita - ad affermare il principio, che per confermarsi la nostra amministrazione di centro destra nel 2022 dobbiamo mettere in atto un vero grando cambiamento, che si aspettano tutti quelli che il 25 giugno del 2017 ci hanno votato, un segnale forte di discontinuità alla cattiva precedente amministrazione lo dobbiamo dare, non voglio sentirmi dire quando giro per Ladispoli “non è cambiato nulla siete uguali a loro”, io non ci sto e farò di tutto per far migliorare la macchina amministrativa e di contribuire affinchè a Ladispoli attraverso le deleghe che ho dei rapporti con i pendolari e con le società calcistiche, affinchè si migliorino i servizi e si realizzino delle opere e strutture importanti per lo sport e per le strutture ricettive turistiche, perché solo in questo modo cambieremo la vocazione della nostra città».

(03 Mar 2020 - Ore 20:05)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio
Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy