MARTEDì 18 Settembre 2018 - Aggiornato alle 01:46

Home » » Assessore accusato dalla ex moglie, la difesa: ''Versione dei fatti priva di riscontro''

 

Assessore accusato dalla ex moglie, la difesa: ''Versione dei fatti priva di riscontro''

Ladispoli. I legali di Francesco Prato intervengono in merito alle contestazioni di violenza da parte della ex. Gli avvocati: «Ennesimo caso di ricorso strumentale alla denuncia per violenza»

LADISPOLI - Gli avvocati Luciano Vinci e Valentina Scuderoni replicano alle accuse mosse dalla ex moglie dell’assessore di Ladispoli Francesco Prato.
Accuse pesanti di violenza sessuale e lesioni personali mosse dall’ex coniuge.
«Se è pur vero che le contestazioni mosse dal Pubblico Ministero corrispondono a quanto riferito dal legale della moglie costituitasi parte civile al giornale - spiegano gli avvocati -  occorre sottolineare che, allo stato, la versione dei fatti rassegnata dalla persona offesa rimane assolutamente priva di ogni tipo di riscontro documentale e testimoniale per ciò che riguarda il reato di violenza sessuale, mentre per ciò che riguarda l’ipotizzato investimento, la prognosi iniziale era di appena 5 giorni di malattia dovuti ad un scivolamento accidentale sull’asfalto, poi prorogati sino a 40 per i progressivi ed estemporanei accessi della ex moglie presso le strutture sanitarie ove Ella si era recata per riferire il persistere di fastidi dalla stessa ricollegabili alla caduta».
«Si tratta, purtroppo- continuano i legali -  dell’ennesimo caso di ricorso strumentale alla denuncia per violenza nelle more di un giudizio civile per separazione. 
Il fenomeno, triste e dilagante, delle false accuse in ambito separativo ha oramai raggiunto proporzioni macroscopiche. 
Assolutamente illuminanti, in proposito, le parole utilizzate dalla Dottoressa Carmen Pugliese, Sostituto Procuratore c/o Tribunale di Bergamo, la quale, in occasione della inaugurazione dell’anno giudiziario dell’anno 2009, così si è espressa: “I maltrattamenti in famiglia stanno diventando un’arma di ritorsione per i contenziosi civili durante le separazioni …”, “….è appurato che le versioni fornite dalle presunte vittime sono gonfiate ad arte. Solo in 2 casi su 10 si tratta di maltrattamenti veri, il resto sono querele enfatizzate e usate come ricatto nei confronti dei mariti durante la separazione».
«Il Prato - concludono i due avvocati -  si trova suo malgrado a dover fronteggiare una tale situazione, ma gli scriventi legali rimangono fiduciosi nell’esito favorevole della vicenda processuale».
 

(13 Mar 2018 - Ore 06:28)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy